unci banner

:: NEWS

Opi Reggio Calabria, “Estate sicura” 2019: Educazione alla rianimazione in spiaggia

Opi Reggio Calabria, “Estate sicura” 2019: Educazione alla rianimazione in spiaggia

Più sicurezza per residenti e turisti, maggiore formazione sanitaria: a questo scopo, l’Ordine degli infermieri (Opi) di Reggio Calabria ha elaborato e finanziato anche per il 2019 il progetto Estate...

Cannizzaro: l'Hospice "Via delle Stelle" non chiuderà

Cannizzaro: l'Hospice "Via delle Stelle" non chiuderà

L'Hospice “Via delle Stelle” non chiuderà e, come auspicato dall'intera comunità reggina e non, continuerà la propria encomiabile attività sotto la gestione della Fondazione. Alle mie ferme richieste il Governo...

Finanziamento 25mln per l'Aeroporto dello Stretto, Siclari (Confindustria) "notizia positiva"

Finanziamento 25mln per l'Aeroporto dello Stretto, Siclari (Confindustria) "notizia positiva"

“Il via libera della cabina di regia del Fondo di sviluppo e coesione allo stanziamento di 25 milioni di euro per l'aeroporto dello Stretto è una notizia molto positiva, che...

Cataforio, confermato il contatto con Angelo Creaco. Nasce anche la femminile?

Cataforio, confermato il contatto con Angelo Creaco. Nasce anche la femminile?

Il Cataforio prosegue senza sosta il proprio lavoro. La società bianconera è in trattativa con Angelo Creaco, recentemente separatosi dal Futsal Polistena per motivi lavorativi. Potrebbe essere lui un altro...

Successo per la prima giornata del Face Festival, tra mostre, concerti e performance interattive

Successo per la prima giornata del Face Festival, tra mostre, concerti e performance interattive

FACE9 È ARTE – “Lo abbiamo scritto diverse volte, perché passi il concetto che a Reggio Calabria si promuove l’arte contemporanea. Un scommessa ardua, se teniamo conto che raggiunge un...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'CISL Medici: occorre investire in quello che serve realmente

CISL Medici: occorre investire in quello che serve realmente

Pubblicato in ATTUALITA' Lunedì, 18 Marzo 2019 07:56

E’ interessante leggere l’appello della Ministra Grillo ai bravi medici calabresi affinchè tornino a lavorare in Calabria, per risollevare quel Sistema sanitario Regionale distrutto negli anni e che non è più in grado di garantire il diritto alla cura ai cittadini calabresi.  In Calabria si sta verificando quello che tra poco sarà la realtà italiana e purtroppo si sta già verificando in altre Regioni Italiane. Non crediamo che sarà sufficiente un DL per salvare la situazione, e neanche i medici da soli potranno compiere questo miracolo.  Solo andando a visitare, dopo il servizio televisivo delle Iene, l’ospedale di Locri si è resa conto che la Sanità Calabrese è stata distrutta da Direzioni Strategiche (nominate da politici di tutte le correnti) ha bisogno dei medici. 

Peccato che i medici per le Istituzioni non hanno diritto al rinnovo del contratto, hanno un decimo degli incentivi rispetto al personale amministrativo, subiscono continui tentativi di disconoscimento della professionalità, aggressioni verbali e fisiche, morti bianche… E’ vero che molti calabresi sono andati alla ricerca di un lavoro migliore nel Centro e Nord Italia, ma questo anche perché spesso sono obbligati ad emigrare per fare l’Università. La Calabria è sempre stata abbandonata dalle Istituzioni, da immemorabile tempo.  Bisognerebbe visitare anche la cittadina di Locri, andare in estate in quelle splendide spiagge bianche e fare il bagno in quel mare cristallino, che poche Regioni possono vantare! A Locri c’è anche un teatro greco coperto dalle erbacce, per fortuna gli Scavi archeologici sono stati valorizzati in quella cittadina che rappresenta il cuore della Magna Grecia, dove ad Agosto si fanno rappresentazioni teatrali nell’ambiente suggestivo del Tempio di Marasà e da dove nessun abitante, neanche i medici, vorrebbero andarsene. Eppure sono obbligati a farlo e spesso emergono, proprio per la loro capacità di adattamento, il loro innato estro, la loro cultura. Ma oggi anche i giovani medici calabresi, come quelli di tutta Italia, preferiscono non rivolgersi più al SSN e quindi neanche al SSR della Calabria e andare all’estero o nella Sanità Privata. Purtroppo ha ragione il Ministro: pagheranno come sempre gli innocenti cittadini che dovranno mettere mano al portafoglio, quando e se potranno, per mantenere chi impunemente si è arricchito con le “vacche da mungere” che sono le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, purtroppo non solo in Calabria.  Sarebbe auspicabile non aspettare la denuncia di un programma televisivo, sforzarsi di capire in quale realtà stiamo vivendo, ascoltare quegli operatori che vengono esclusi dai tavoli tecnici ministeriali, che prediligono le associazioni dei cittadini alle società scientifiche.  La soluzione è quella che ripetiamo da anni e cioè investire in quello che serve realmente, migliorare il clima aziendale, il benessere organizzativo, restituire dignità ai professionisti della salute e investire sulla qualità in modo che il privato possa essere integrativo e soprattutto governato da un SSN che abbia la forza per farlo.   Forse tutti quelli che stanno distruggendo il tanto invidiato SSN dovrebbero ricordarsi che sono potenziali utenti e che potrebbero pentirsi domani di non avere più diritto alla cura.

Cisl Medici RC

18 marzo 2019

Letto 125 volte

Articoli correlati (da tag)

  • CISL Medici interviene su blocco assunzioni in sanità

    Apprendiamo increduli del blocco delle assunzioni in sanità, come se la sanità potesse veramente essere trattata al pari di qualsiasi altra azienda per cui, rilevato il deficit tagliamo il personale. In questa maniera Le aziende sanitarie reggine andranno al tracollo e non ci sarà chance per i cittadini.
    I settori della emergenza sono in piena sofferenza mi riferisco ad Anestesia, Chirurgia, radiologia e se continua così, possiamo scendere in piazza e consegnare le chiavi delle unità mediche sia semplici che complesse a chi sta amministrando la sanità.

  • La Cisl Medici fa il punto dopo l'incontro con il commissario Scura

    La Cisl Medici provinciale durante l’incontro svoltosi il 27/11/18 con Massimo Scura, soggetto attuatore dell’ASP di Rc, ha sollevato molti punti all’ordine del giorno come il piano di formazione e l’esigenza che lo stesso venga al più preso attuato, poiché proprio la formazione rappresenta un elemento indispensabile di qualità in un’ organizzazione sanitaria ed inoltre, la necessità di un rimpiazzo in tempo reale delle figure carenti in molti ambiti, soprattutto nelle zone critiche dell’emergenza come ginecologia, pediatria, pronto soccorso, ortopedia, ed infine l’ esigenza di un riordino dell’organizzazione con l’ impellenza di rivedere i curricula unico momento veramente discriminante di un sistema di qualità.

  • Pasquale Romeo (CISL) su turn over sanitario

    Pensare come rivitalizzare il settore sanità è un impresa megalomanica ci vorrebbe un rianimatore a tempo pieno cosa non possibile per la carenza di personale in sanità. Ci stiamo avviando verso un turn over decisivo in sanità che in qualche modo preoccupa. Nell’ultimo consiglio nazionale della Cisl si è messo in luce la difficoltà che attraverseremo nei prossimi anni e nello stesso tempo la battaglia che la Cisl sta effettuando per aumentare le borse di specializzazione e consentire in tal maniera un aumento dei posti dei medici e quindi un avvio ad un turn over che in questo momento non sembra neanche possibile visto del resto la carenza assoluta di medici in alcune discipline.

  • Romeo (Cisl Medici): La tarantella nel sogno di una notte di mezza estate

    Nell’ “area grigia”, un saggio scritto a quattro mani dal già Prefetto Franco Musolino, e da Pasquale Romeo, Psichiatra docente di Roma e Siena con la prefazione di Pignatone Procuratore capo a Roma, emergono delle riflessioni importanti per una revisione critica dei comportamenti che dovrebbero sollecitare il cittadino ad abbandonare condotte rinunciatarie e a riappropriarsi del potere di cambiare gli scenari di vita. La posizione di Musolino e Romeo è chiarissima: “bisogna creare una reazione per esprimere un sussulto di rabbia, elemento principe per cambiare” in una società malata talvolta considerata "normale";

  • Romeo (Cisl Medici) su risoluzione precariato Aziende Sanitarie

    Con riferimento alle nuove disposizioni in materia di stabilizzazione dei precari secondo quanto disposto dal D. Lgs. 75/2017 ed alla recente circolare del Ministero per la  Semplificazione e la Pubblica Amministrazione  n. 3 del 23/11/2017 avente per oggetto “indirizzi operativi in materia di valorizzazione dell’esperienza professionale del personale con contratto di lavorio flessibile e superamento del precariato”, la Federazione CISL Medici sollecita le Aziende Ospedaliere e Sanitarie a dare immediata attuazione al processo di stabilizzazione del personale precario, chiede

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.