unci banner

:: Evidenza

Crollo ponte Morandi, Oliverio scrive al ministro Toninelli

Crollo ponte Morandi, Oliverio scrive al ministro Toninelli

Alla luce del drammatico crollo del ponte Morandi di Genova, il Presidente della Regione, Mario Oliverio, ha scritto al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,...

“Lisistrata” conquista il pubblico al Tempio di Marasà a Locri

“Lisistrata” conquista il pubblico al Tempio di Marasà a Locri

Grandissimo successo di pubblico per “Lisistrata” andata in scena al tempio ionico di Marasà, dove la rappresentazione della commedia greca ha trovato il contesto ideale,...

Cannitello, sabato 25 agosto è Festa della Granita

Cannitello, sabato 25 agosto è Festa della Granita

La Gelateria Boccaccio, dopo una grande richiesta da parte dei clienti e vista la grande partecipazione ed affluenza ai precedenti appuntamenti, chiude la sua stagione...

compra calabria

Sei qui: HomeATTUALITA'Tramonti e Perrone (Cisl) su visita ministro Lezzi

Tramonti e Perrone (Cisl) su visita ministro Lezzi

Pubblicato in ATTUALITA' Giovedì, 09 Agosto 2018 14:59

Abbiamo accolto positivamente la visita del Ministro per il Sud Barbara Lezzi e la volontà di aprire un dialogo rispetto alcuni temi che sono centrali e indispensabili per il potenziale strategico del Porto di Gioia Tauro. E’ imprescindibile ragionare avendo chiaro un assunto: il porto di Gioia Tauro è un’infrastruttura fondamentale non solo per la Calabria, ma per l’intero Mezzogiorno, senza mai sottovalutare la sua vocazione ‘Mediterranea’. La dislocazione geografica è un punto di forza sul quale lavorare e creare attrattive commerciali. Il Governo deve renderlo competitivo, proprio per creare un’alternativa valida ai grandi porti europei.

Dunque occorre velocizzare le procedure di nomina del nuovo presidente dell’autorità portuale, per dare un management forte e solido capace di cogliere le sfide amministrative ed economiche di un grande bacino commerciale qual è il Porto, partendo dalla grande opportunità della Zes. Questo strumento deve necessariamente innescare una fase di rilancio del porto, con il suo indotto e il suo livello occupazionale, ma necessita di un’operatività impellente con il pieno sostegno della Regione Calabria e della Città Metropolitana.
Nuove relazioni internazionali, capacità di nuovi investimenti e un incremento del traffico, commerciale e turistico, potrebbero essere i perni di una nuova stagione, ma attenzione... solo se si è in grado di tutelarla ed impermeabilizzarla dai professionisti del malaffare che allungano i tentacoli su una struttura che ha tutte le carte in regola per far rinascere il tessuto economico della Calabria. Al Ministro, abbiamo già esplicitato il nostro supporto in questo percorso, nel quale tutti siamo chiamati a dare un contributo. Istituzioni, imprenditori, lavoratori e sindacati, abbiamo il dovere di combattere in questo senso, una battaglia comune che possa dare i suoi frutti nel breve e medio periodo.
Gioia Tauro, è il principale porto mediterraneo di trashipment, ossia di trasbordo di merci da nave a nave, oggi è tra i più importanti al mondo, ma al contempo tra i più sottovalutati dall'opinione pubblica nel nostro Paese. Si deve avere la forza e l’abilità di invertire questa tendenza demolitrice.
Idee e proposte sarebbero quella di rafforzare il collegamento della sua attività logistica puntando a diventare il centro delle attività di smistamento per tutta la rete ferroviaria nazionale. E ancora, lavorare sullo snellimento della burocrazia per omologare le pratiche amministrative a quelle degli altri porti internazionali, per creare degli stimoli efficaci alle partnership di grandi colossi, soprattutto con più alta competitività e un abbassamento dei costi di attracco.
Infine, suggeriamo di valorizzare le potenzialità già in essere del porto: logisticamente e strutturalmente è uno dei più moderni del mondo. Ha fondali e spazi che consentono attracco e comodità di manovra alle più grandi navi finora costruite dall’uomo. Ha un retroterra sgombro con spazi enormi, piani e di facile accesso ed immobili pronti a ‘ricevere’ grandi società desiderose dal Mediterraneo di entrare nel mercato italiano attraverso la su porta principale.
Agire subito per dare concretezza ad un processo di sviluppo, troppo spesso decantato, ma mai effettivamente decollato.

Reggio Calabria lì 09/08/2018 Ufficio Stampa Ust Cisl Reggio Calabria

Letto 70 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Cisl: La Metrocity non ricada negli errori del passato

    La notizia di qualche giorno fa della firma di Hitachi di un corposo contratto per lo stabilimento di Reggio Calabria - costruirà 12 super treni per la metro di Milano - non può che rendere soddisfatti chi, per mandato sindacale, e chi come semplice cittadino, s’impegna a sorregge la speranza di uno sviluppo concreto per la città e per l’intera aera metropolitana. Un’iniezione di entusiasmo e di soddisfazione per tutti gli addetti ai lavori, che nello stabilimento ex Omeca, ripongono aspettative per investimenti a medio e lungo termine. Imprenditori dell’indotto, istituzioni, sigle sindacali e famiglie reggine dunque, hanno accolto con legittimo giubilo il piano industriale, già rinvigorito mesi fa dall’accordo tra la divisione “Rail Italy”

  • Cisl: Rischio svuotamento di comparti strategici per Reggio Calabra. La Metrocity batta un colpo!

    Non possiamo sottacere a quanto sta verificandosi in capo all’ Agenzia delle Dogane e Monopoli di Reggio Calabria. Apprendiamo increduli di una notizia che cristallizza un disegno di svuotamento del comparto doganale di Reggio Calabria e che fa il paio con l'abbandono più complessivo del territorio, in costanza di una flebile pianificazione metro. Dopo la decisione della direzione regionale delle dogane trasferita a Catanzaro, la Città Metropolitana “subisce” anche la chiusura della sezione doganale dell’aeroporto dello Stretto.
    Già la riorganizzazione - non è fazioso definirla declassazione - dell’Ufficio doganale di stanza nel Porto di Gioia Tauro, aveva rimodulato quello che era un punto di forza del sistema portuale, in una sede periferica dell’Ufficio di Reggio Calabria

  • Perrone (Cisl): Sindaci dell'area metropolitana cambino l’agenda delle priorità

    Il rapporto di Demoskopika di qualche settimana addietro, relativo alla spesa dei comuni riguardante l’assistenza alle categorie sociali più deboli è allarmante. La nota scientifica dell’istituto di rilevazione e ricerca, traccia un quadro che esige delle riflessioni. Al netto del fatto che lo studio è stato effettuato seguendo il parametro delle “rette destinate al ricovero in strutture per anziani/minori/ soggetti portatori di handicap ed altri servizi connessi”, e quindi la spesa delle amministrazioni presa in considerazione riguarda questo segmento di intervento, c’è da fare una valutazione seria e approfondita, se, per esempio i comuni friulani spendono 63,37 euro pro capite e, la Calabria - penultima in questa rilevazione - spende appena 2,13 euro.

  • Vincenzo Sera (Cisl Fp) su mancata stabilizzazione ex Lsu-Lpu

    Ancora un segnale allarmante sulla situazione dei lavoratori ex LSU/LPU del nostro territorio arriva dal Segretario Generale della CISL FP di Reggio Calabria Vincenzo Sera. Nonostante vari incontri e tavoli tecnici alla Regione Calabria, ancora oggi registriamo innumerevoli ritardi sul progetto di stabilizzazione. Ritardi afferma Sera, imputabili ad una discutibile gestione delle aspettative createsi nei mesi scorsi quando, la Regione Calabria, unitamente al proprio Dipartimento, ed alla precedente politica Nazionale, aveva fatto intuire che la situazione era pervenuta ad una svolta definitiva.

  • La Cisl interviene sull'aggressione agli operatori del 118

    La Cisl Fp Calabrese apprende e condanna il gravissimo gesto in cui sono rimasti coinvolti gli operatori del 118 di Reggio Calabria che allertati per un’emergenza dovuta alla difficoltà di rintracciare la Guardia Medica, si sono ritrovati in un vicolo cieco a subire le ire di un malintenzionato che con una pala e un pezzo di ferro ha danneggiato l’ambulanza, lasciando illeso il Medico in servizio solo perché i cocci di vetro diretti verso di lui sono stati fermati dalla barella a cucchiaio.
    La condanna parte proprio dal Segretario Generale della CISL FP Calabria, Luciana Giordano che ritiene da tempo questa tipologia di gesti come il sintomo e la reazione ad una Sanità Calabrese, così disorganizzata da porre le sue parti migliori addirittura come bersaglio.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.