unci banner

:: NEWS

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Gli auguri dell’Amministrazione Comunale di Roccella per il nuovo anno scolastico

Lunedì 16 settembre inizia un nuovo anno scolastico. Per i bambini e le bambine delle prime classi della Scuola dell’Infanzia sarà realmente il primo giorno di scuola, in cui passeranno...

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

Cammino Urbano del Collettivo La Strada tra i "resistenti" del Mercato coperto di Via Filippini

“La prima cosa che faccio quando vado in un’altra città è andare a vedere il mercato”, ci dice una commerciante. Infatti il mercato è il polso di una città, ne...

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Anche gli studenti di Reggio rispondono presente allo sciopero mondiale per il clima

Venerdì 27 Settembre anche a Reggio Calabria avrà luogo una manifestazione in occasione del terzo sciopero globale per il clima, organizzato dal movimento per l'ambiente "Fridays for Future" nato dalla...

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Alloggi popolari, percorso della petizione degli 11 milioni di euro dovrebbe ripartire entro settembre

Arriva qualche buona notizia in merito alla Petizone popolare per il ripristino degli 11 milioni di euro del "Decreto Reggio" per l'acquisto di alloggi popolari. Il presidente del Consiglio comunale,...

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

Giornalisti, Blogger e Tour Operator alla scoperta dell’Aspromonte

L’umanità della gente d’Aspromonte nella sua forma più genuina, gli incontaminati e selvaggi paesaggi naturalistici, il respiro di una terra che reclama fortemente la sua voglia di riscatto. Cinque giorni...

compra calabria

Sei qui: HomeCRONACAReggio Calabria. 'Ndrangheta: contributi ad affiliati delle cosche. 8 arresti dei Carabinieri

Reggio Calabria. 'Ndrangheta: contributi ad affiliati delle cosche. 8 arresti dei Carabinieri

Pubblicato in CRONACA Giovedì, 13 Dicembre 2018 11:02

Reggio Calabria. Nella mattinata odierna, militari del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare e del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare (4 in carcere, 3 agli arresti domiciliari 1 all’obbligo di presentazione alla p.g.) emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria su

richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, a carico di altrettanti soggetti, residenti in vari comuni della provincia reggina, accusati a vario titolo associazione per delinquere, concorso in falso materiale e ideologico commesso da incaricati di pubblico servizio, truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, aggravate dalla finalità di agevolare consorterie mafiose.  I provvedimenti scaturiscono da una complessa e articolata indagine, condotta dal Reparto Operativo del comparto di specialità dell’Arma e coordinata dal Procuratore Aggiunto, Calogero Gaetano Paci, e dal sostituto procuratore, Diego Capece Minutolo, tesa a contrastare la pervasività mafiosa nel comparto agricolo concretizzatasi in truffe aggravate per il conseguimento delle erogazioni pubbliche previste dai “Fondi Europei Agricoli di Garanzia e di Sviluppo Rurale” (F.E.A.G.A. e F.E.A.S.R.). Esso è un alveo di preminente interesse della ‘ndrangheta, peraltro emerso dall’attualità di plurime investigazioni dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare. Gli indagati risultano intranei o contigui a noti sodalizi di ‘ndrangheta reggini, tra i quali i “Gallico” di Palmi, gli “Alvaro” di Sinopoli, i “Lo Giudice” di Reggio Calabria ed i “Laganà-Caia” di Seminara. Costoro, sostenuti dalla complicità di incaricati di pubblico servizio, ai quali pure è stato contestato il reato associativo, nel periodo 2010-2018 hanno beneficiato di contributi pubblici, erogati dall’Agenzia Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.C.E.A.), nonché alla disponibilità di titoli di pagamento della “Politica Agricola Comune”, per un ammontare di diverse centinaia di migliaia di euro. Gli indebiti percettori, evidentemente privi dei requisitivi soggettivi poiché gravati da misure di prevenzione personale o condannati per delitti di criminalità organizzata, grazie alla complicità e al sistematico contributo degli incaricati di pubblico servizio operanti per conto del consorzio olivicolo “CONASCO”, dissimulavano il proprio stato carcerario – una di essi, Teresa Gallico in regime detentivo speciale ex art. 41-bis dell’ordinamento penitenziario – in modo da proporsi all’organismo pagatore della Regione Calabria, A.R.C.E.A., in qualità di imprenditori agricoli in attività. Le indagini hanno permesso di accertare numerose anomalie, di carattere formale e sostanziale, afferenti la trattazione delle domande di accesso ai contributi ovvero la soppressione di documenti che, per legge, avrebbero dovuto essere custoditi dagli stessi incaricati di pubblico servizio. In particolare, è stato dimostrato come gli operatori del centro di assistenza agricola, già “COPAGRI 102” di Reggio Calabria, riconducibile al predetto consorzio olivicolo, delegati a formare e trasmettere elettronicamente all’A.R.C.E.A. le istanze di pagamento avanzate dagli arrestati, fossero perfettamente a conoscenza dello stato detentivo dei richiedenti. A titolo esemplificativo, l’indagata Teresa Gallico, sebbene detenuta dal 2010 a seguito dell’operazione “COSA MIA”, ha percepito ininterrottamente contributi per complessivi 59.000 euro in qualità di titolare di un’impresa individuale di fatto inattiva da poco tempo dopo il suo arresto, proprio grazie alla complicità dei dipendenti della CONASCO, che hanno attestato falsamente la presentazione della domanda da parte dell’interessata e intenzionalmente omesso di informare l’organismo pagatore del suo stato detentivo. Ed in più, gli accertamenti bancari consentivano di appurare che parte dei proventi venivano indirizzati al pagamento degli onorari dei difensori di Gallico Domenico, pluriergastolano al vertice della cosca omonima. Nel medesimo contesto, la CONASCO Scarl è stata sottoposta alla misura cautelare dell’interdizione dall’esercizio dell’attività di assistenza agricola e sono stati eseguiti sequestri per equivalente delle occorrenze finanziarie degli indagati per una somma complessiva di oltre 220.000 euro. L’indagine, in sintesi, ha individuato e consentito di contrastare significativamente un ambito di interesse della ‘ndrangheta particolarmente insidioso per il fisiologico svolgersi del settore agroalimentare ed emblematico delle modalità dell’acquisizione di consensi attraverso un patologico indirizzo delle pubbliche risorse.

Reggio Calabria 13 dicembre 2018

Letto 633 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Piante di cannabis scoperte a Fossatello di Montebello Jonico

    Ieri pomeriggio, in un appezzamento di terreno demaniale in località Fossatello di Montebello Jonico, i carabinieri della compagnia di Melito Porto Salvo, assieme ai Cacciatori dello Squadrone eliportato di Vibo Valentia, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto della produzione di canapa indiana, hanno rinvenuto circa 50 piante di cannabis, alte in media 150 cm, in ottimo stato vegetativo.
    La droga, previa campionatura è stata distrutta in loco cosi come disposto dall’autorità giudiziaria reggina.

  • Taurianova, controlli straordinari dei Carabinieri per droga e armi

    Nei giorni scorsi, i carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno svolto un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione e repressione del consumo e lo smercio di sostanza stupefacentee dei reati in materia di armi. In tale contesto è stata arrestata una persona per detenzione ai fini di spaccio di marijuana, denunciata unain stato di libertàe sequestrate armi e munizioni.
    In particolare,i militari della sezioneradiomobile della compagnia, nel corso di un servizio di pattuglia, hanno arrestato un 32 enne di Taurianova, poiché è stato trovato in possesso di 550 grammi circa di marjuana già essiccata e pronta alla vendita.

  • Due donne arrestate per rapina aggravata in concorso

    Gli Agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e i militari dell’Arma dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato due donne, una 58enne reggina e una 39enne di origine cubana, responsabili, in concorso, del reato di rapina aggravata.
    Le due donne, hanno attirato un uomo,con la promessa di una prestazione sessuale, e lo hanno condotto in un sottopassaggio del centro cittadino nei pressi della stazione ferroviaria. Giunti nel luogo, due complici hanno aggredito ed immobilizzato la vittima e, puntandogli un coltello alla gola, si sono impossessati di un’ingente somma di denaro nella disponibilità del malcapitato, per poi darsi alla fuga.

  • Pellaro, tre arresti in distinte operazioni per droga

    Ieri, i carabinieri della stazione di Pellaro, assieme ai colleghi cacciatori di Vibo Valentia e i colleghi del nucleo cinofili carabinieri di Vibo Valentia con il cane Enno, pastore tedesco di due anni e mezzo, nel corso di servizio mirato per la ricerca di armi, munizioni ed esplosivo illegalmente detenuti nonché’ di sostanze stupefacenti hanno arrestato un 53enne, e un 24enne, entrambi reggini, accusati di detenzione illegale di arma comune da sparo e detenzione illegale ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
    In particolare, a seguito di una perquisizione all’interno di un container in uso ai due, i militari dell’arma hanno rinvenuto, anche con l’ausilio del cane Enno, circa 40 grammi di marijuana, abilmente occultata all’interno di una scatola posta su uno scaffale, nonchè un lancia razzi calibro 22, varie munizioni e un bilancino di precisione.

  • Bagnara, 37enne arrestato per danneggiamento seguito da incendio

    Nel tardo pomeriggio di ieri, i carabinieri della stazione di Bagnara Calabra, hanno arrestato un 37enne reggino, accusato di danneggiamento seguito da incendio.
    In particolare, i militari della stazione hanno ricevuto una telefonata da parte di una cittadina, la quale riferiva della presenza nella pubblica via di un uomo in evidente stato di agitazione, che gridava e sferrava pugni contro la porta di una casa prospicente quella via Garibaldi.

Copyright © 2018 CALABRIAPOST - Trib. RC n. 14/2013
Direttore responsabile: Gianluca Del Gaiso
Associazione "P4C"
via Reggio Modena 22  Rc - CF 92084720801
Redazione Ideocoop a r.l.