Sabato, 13 Luglio 2024

                                                                                                                                                                             

 

                                                                                                                                                                                                          

C Cultura|Società

LA DENUNCIA DELL’ESCLUSIONE DEI RAPPRESENTATI DEL POPOLO ARBERESH AL III SUMMIT DELLA DIASPORA TIRANA

Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Il 3° Summit della Diaspora Tirana accoglie albanesi da tutto il mondo, e nella "Giornata degli Arbëreshe" che si terrà il 22 novembre 2023, ricercatori, ricercatori scientifici, attivisti del mondo arbëreshe vedono annullata la loro massiccia partecipazione!

In breve.

Nel programma del terzo Summit dedicato alla “Giornata degli Arbëreshe”, si sono mobilitati per la partecipazione un gran numero di arbëresh, il cui appello era stato lanciato tempo fa dal Centro Studi e Pubblicazioni di Tirana, unica istituzione del popolo arbëresh in Albania.

Nel precedente Summit organizzato nel 2022 dal Centro Studi e Pubblicazioni, la partecipazione dei residenti arbëresh è stata massiccia (il criterio di base che dovrebbe tenersi in quel Summit). Grazie a quell'incontro sono nati dei rapporti che sono stati formalizzati tra il Centro Studi e Pubblicazioni con la direttrice Signora Diana Kastrati e i comuni locali di alcuni insediamenti arbëreshe. Dopo quel vertice, qualcosa ha cominciato a muoversi nel mondo arbëresh e si sono creati dei ponti, e soprattutto questo movimento non ha lasciato il popolo arbëresh “invisibile”! (Sapevate che fino al 2018 gli arbëreshe di San Costantino Albanese e di Contessa Entellina non sapevano nemmeno che esistessero? Non c'è bisogno di commenti per capire in che situazione fosse il mondo arbëreshe!!!)

Pochi giorni fa, a sorpresa, è stata cancellata la notizia della massiccia partecipazione del mondo intellettuale arberiano. Molti di Arbëreshe avevano annullato il biglietto di viaggio per l'Albania, e questa situazione non è dovuta alla colpa del Centro, ma alla decisione di un altro organismo, si parla dell'Accademia delle Scienze di Tirana.

La domanda sorge spontanea; Se lo scopo del Summit era quello di servire il popolo arbëresh come punto di incontro per dargli l’attenzione che merita in termini di valori e ricchezza, allora perché è stata cancellata la partecipazione di massa di questo popolo arbëresh, ancor peggio sapendo che il mondo arbëresh comincerà a parlare dei problemi che hai?!!

Questa azione rimane non solo un atto molto vergognoso, ma soprattutto ha paralizzato tanto quanto lo è il mondo arbëresh e aumenta la divisione! Sorgono una serie di domande:

Come lasciare fuori da questo Summit i ricercatori, gli autori di testi, i ricercatori, molti di quei soggetti che hanno davvero dato un contributo colossale al mondo arbëreshë, tanto da superare spesso quello istituzionale!

Come si può parlare della loro lingua e lasciare fuori dal Summit gli sportelli linguistici del mondo arbëreshe?!

Come lasciare fuori dal vertice tante associazioni, organizzazioni, società che sono il cuore, il polso della vita arbëreshe, che raccolgono nel loro seno il vero mondo arbëreshe?!

Come lasciare fuori da questo vertice pubblicisti, storici, giornalisti, poeti, scrittori, intellettuali, gente onesta del mondo di Arbëreshe?!

Come lasciare fuori da questo vertice i gruppi artistici di Arbëresh, che preservano il folklore, mantengono viva l'etnografia, la lingua attraverso la rapsodia?!

Come si può lasciare l'architetto arbëresh fuori dal mondo, (che io sappia non c'è mai stato nessun progetto universitario sull'architettura arbëresh)!

Come si può tralasciare i rappresentanti delle biblioteche, che sono monumenti del mondo arbëresh!

Come si può escludere le donne arbëreshe, cittadine comuni ma illustri attiviste che sostengono la questione della conservazione dell'identità, conoscendo le difficoltà che queste donne arbëreshe affrontano ogni giorno nell'assimilazione e a causa delle politiche geopolitiche di spopolamento?

La domanda sorge spontanea:

Di cosa si può discutere in questo Summit quando manca la materia prima “Arbëreshi”?

Forse in questo vertice continueranno a discutere quale lingua standard sceglieranno tra l'arbërishtes, su cui insiste la stragrande maggioranza dei residenti arbëreshëve, e la lingua albanese standard? all'alfa!)

Forse quel giorno ci daranno una bella notizia che hanno redatto un testo di morfologia, sintassi, fonetica, vocabolario generale sulla variante dell'arbëreshë, per la quale il mondo accademico fino ad oggi non è riuscito a fare nessuna di queste cose!

Il mondo di Arbëresh oggi è una questione delicata, problematica, dove bisogna parlare senza guanti, senza parole abbellimenti e pomposi, senza paura, perché il mondo di Arbëreshe non è un mondo limitato. Non è eclissato in una manciata di accademici (che dopo tutto sono stipendiati e investono automaticamente nella loro carriera)! Il destino degli Arbëresh non dovrebbe essere nel destino di un gruppo di persone e nelle grinfie del mondo accademico, perché l'Arbëria non è monopolio di nessuno e quell'Arbëria appartiene agli Arbëresh!!!

Sono d'accordo con la parte indignata degli Arbëreshe dove: Hai abusato abbastanza del mondo Arbrëshë! Basta prendere in giro questo popolo! Per più di 30 anni lo hai abbandonato, lo hai "tradito" e la cosa peggiore è che gli stai togliendo il diritto di sentirsi un Arbëresh.

Non dimenticare che Arbërshi non è né ingenuo né passivo! Arbërshi nel "ring" quando è stato trovato a terra, si è anche dimenato, ma quando ha sentito l'arbitro contare 7, 8, anche se era schiacciato e insanguinato, si è alzato lentamente e quando ha raggiunto il numero nove, ha mobilitato la forza della sua anima e colpì, perché il mondo degli Arbëresh è il mondo di un popolo, che ancora crede, che ancora spera, e lotta per preservare l'identità dei propri antenati. Ricordiamo ancora che sono i nipoti di; De Rada, Serembe, Santori, Torrelli, ma anche di scienziati come Giura, Baffa, e centinaia di altri, i cui nomi furono inseriti negli annali della storia mondiale e mantennero il nome arboreo sul globo!

Conclusione: La tragedia è che anche quando si offre l'occasione per la rinascita dell'Arbëreshë, come nel caso del terzo Summit, si esercita pressione annegando questa creatura antica ma ancora infantile!

È desiderabile il fatto che all’Accademia delle Arti di Tirana ci siano tanti professori che non sanno nulla del mondo Arbëreshe! Ci sono tanti politici che ignorano il mondo arbëreshe! A quanto pare, nei circoli superiori c'è chi manca della sensibilità del patriottismo e del patriottismo, perché la gloria e gli interessi personali sono probabilmente la loro priorità!

Ci auguriamo che il "guanto" che comanda questo Vertice ridotto ricordi la questione più urgente del mondo arbëreshe, dove l'UNESCO ha dichiarato la sua lingua come una lingua in pericolo di estinzione.

Il Summit è da considerarsi un punto di incontro di valori e progetti nel campo della cultura arbëreshe tra i due paesi Albania e Italia. Il mondo albanese ancora non conosce la cultura arbëresh, il suo raggio d’azione, che comprende figure brillanti che hanno contribuito alla scienza, all’architettura, alla storia, all’arte, ma è un peccato che non vengano promosse!

Il mondo accademico senza la partecipazione massiccia di studiosi, ricercatori, autori, che lavorano con anima e corpo, possiamo dire senza timore che ha fallito, così come hanno fallito fino ad oggi nei convegni, nelle sessioni plenarie, nei congressi che non sono serviti il popolo per nulla e nemmeno il mondo arberiano! Sarebbe bene che gli accademici uscissero dalle loro “fornaci” e abbassassero le loro manie di grandezza, per unirsi al popolo. (Gli imperatori di Roma anche se assetati di sangue, nessuno diventava re se non entrava nel cuore del popolo)

Buon lavoro, al terzo Summit, ma soprattutto, cari Arbëresh, benvenuti in Albania. Voi fratelli Arbëresh, nonostante l'Accademia e le Accademie a cui è stata negata la partecipazione, nonostante questo delirio, non dimenticate che noi albanesi di sangue albanese li amiamo, li ammiriamo e siamo senza dubbio i nostri migliori e più nobili fratelli!

Vivi e sia eterno il nostro sangue versato, perché non c'è Arbërì senza Arbëreshë.

Se un giorno gli arbëreshë scompariranno,

perdiamo un popolo e non un’etnia

questo non dovrebbe mai accadere!

                                                                                                                                                                                                                                             Ornela Radovicka

 

 


 

Ultimi Post

Le idee espresse dagli opinionisti non necessariamente debbono coincidere con quelle del direttore e dell’editore di Calabriapost.net 

..........................

 Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete  a direttore@calabriapost.net

 

top