Sabato, 13 Luglio 2024

                                                                                                                                                                             

 

                                                                                                                                                                                                          

P Politica

NO PONTE: MOBILITIAMOCI CONTRO IL DL SICUREZZA

Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Il 24 giugno dalle ore 17.30 saremo a Piazza Italia, di fronte la Prefettura di Reggio Calabria, per manifestare contro il nuovo DL Sicurezza voluto dai ministri Piantedosi, Nordio e Crosetto. Questo disegno di legge rappresenta un attacco frontale ai diritti civili e sociali delle fasce più deboli della popolazione, introducendo misure repressive che minacciano la libertà di espressione e la resistenza sociale, e discriminano ulteriormente le categorie più vulnerabili, come i migranti.

Tra i punti più critici:

  • Repressione della libertà di espressione attraverso l’introduzione del reato di “terrorismo della parola” con pene da due a sei anni per chi diffonde testi ritenuti capaci di incitare alla protesta e alla resistenza;
  • Criminalizzazione dell’occupazione e della resistenza sociale, con pene da due a sette anni per chi occupa immobili senza titolo, circostanza applicabile anche a sfrattati e picchetti di solidarietà;
  • Restrizioni sui movimenti e sulle proteste con pene severe per chi si oppone a grandi opere ritenute “strategiche” e blocca arterie stradali o ferroviarie;
  • Discriminazione e razzializzazione con l’inasprimento delle pene per migranti e per chi protesta nei centri di accoglienza, con pene fino a venti anni per lesioni personali durante rivolte;
  • Aumento delle pene per atti contro le forze dell’ordine con l’incremento delle pene per violenze o minacce contro pubblici ufficiali, senza bilanciamento delle circostanze attenuanti;
  • Repressione delle proteste ambientaliste con pene severe per imbrattamenti e deturpamenti, con particolare attenzione alle sedi istituzionali e inasprimento in caso di recidiva;
  • Potere rafforzato delle forze di Polizia con aumento delle misure di controllo sociale per prevenire presunti rischi di eversione dell'ordine democratico.

Questo disegno di legge rappresenta un attacco alle libertà fondamentali e alla giustizia sociale. In nome della sicurezza, il governo Meloni sta cercando di criminalizzare ogni forma di dissenso e resistenza. Non possiamo permettere che un tale provvedimento passi inosservato.

Invitiamo tutte le forze sociali, sindacali, politiche e i cittadini che credono nella giustizia e nei diritti umani a partecipare al presidio che si terrà a Piazza Italia il 24 giugno 2024, in concomitanza con altre iniziative analoghe che si stanno organizzando in diverse città italiane.


 

Ultimi Post

Le idee espresse dagli opinionisti non necessariamente debbono coincidere con quelle del direttore e dell’editore di Calabriapost.net 

..........................

 Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete  a direttore@calabriapost.net

 

top